Monthly Archives: Nov 2013

Home »  2013 »  Nov

Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un boia, che ha lavorato per la morte che non ha conosciuto pietà che ha ucciso per un sì o per un no…. Considerate se questo è un boia, senza vestiti ma con la divisa senza forza ma con la pistola senza dignità ma con violenza senza eroismo ma con fedeltà vuoti gli occhi e freddo il cuore come una bandiera senza onore. Meditate che questo è stato: non ragazzo, non padre, non uomo, solo un boia senza dei. Che la terra ti sia pesante e dura come il peccato vecchio soldato, e che tu possa dimorare eternamente nel tuo Valhalla pieno di mostri. …di Deus

  Vagavo nella profondità cercando di toccare le tue vene Lo scorrere denso dei tuoi battiti irrompe nel mio più recondito pensiero confondendo ogni barlume di fredda ragione Sovrapposto l’indice ed ascolto uno schiaffo al petto per vedere il tuo nome un urlo pacato mi sfiora il senso dell’udito accompagnandomi violentemente nel tuo mondo Annullarti per sentirti viva chinare il volto per saperti …riconoscere ubbidire allo schiocco e sorridere imprigionando dietro larghe porte ogni tua intima lacrima La tua assenza colma l’oscurità del profondo salto dove l’immagine distrutta del tuo volto domina ogni confuso pensiero ed abbandona ogni senso Non finivo di vagare in quell’immenso infinito di distorti pensieri ma l’unica guida rimaneva la tua costante assenza.

  Basterebbe avvicinarla alla carne e chiudere gli occhi Sentirei un leggero brivido percorre il corpo e mi  lascerei scivolare via ogni goccia di vita Caldo scorrerebbe lungo il mio braccio lasciando solo scie di tristi ricordi che pian piano rubano ogni mia ragione divorando ogni molecola d’ossigeno rimasta. La mano si stenderebbe lungo la gamba lasciandola cadere nel freddo pavimento ora…mai ricoperto dal mio sangue Ora ti vorrei qui, accanto a me e godere del tuo stupore, rimanendo ammaliato dal bianco del tuo viso ed un breve sorriso apparirebbe sul mio viso lanciandoti in dono il mio ricordo di anima venduta alle fiamme dei peccatori Dovresti raccoglierla, avvolgerla nella tua camicia nuova e riporla nell’angolo più lontano e dimenticarla li, ma ogni volta che chiuderai gli occhi ricorda che quella lama fu’ l’Ultimo mio regalo per la tua libertà.