Category Archives: RIFLESSI INCONDIZIONATI

Home »  POESIE »  RIFLESSI INCONDIZIONATI

  Trovarsi ad ascoltare il battito del Cuore fatto scivolare via dallo sbattere delle onde e dal frastuono del vento nei pensieri Il colore oramai dimenticato Il suono confuso Lo scricchiolio del Cuore insorge tra il silenzio dei ricordi Solo a fare la somma dei miei giorni, unendo tutti i puntini del percorso che mi ha portato a questo scuro umore Solo a trovare la via, la soluzione che assai lontana mi guarda rendendo confuso e lontano il mio domani Solo rinasco Solo rimpiango …ma forse nell’angolo più remoto del mio battito, un piccolo sorriso si apre alla vita

  …l’inizio è solo un punto confuso nell’Universo La contorta piega dei Ricordi ne è la fine.

  Sorvolo i miei pensieri tra innumerevoli colpi tremolanti Sento arrivare l’agonia di folli paure e distorte sensazioni Lucidi pensieri governano dove forza e gambe muoiono lasciando a gelidi brividi l’Eterna distanza che separa un’allucinazione dalla cruda realtà

  Il nero mantello gli copre il viso Rosso sangue i suoi occhi Si tiene in volo da sfumature grigie Prende il mio tempo e lo divora, si sazia con l’assenza Capisco che si prende gioco di me Meglio andare…

Ho scavato una piccola ma profonda buca Iniziai piano piano, scavavo e scavavo Ho consumato le unghia per andare affondo cercando di osservare ogni granello di sabbia che toglievo, sul quale versavo una piccola lacrima Continuai, intorno a me occhi curiosi e stretti sorrisi commentavano mentre montagne di lacrime divennero cristalli riflettendo la tua assenza Improvvisamente mi fermai e buttai nella buca una goccia di rosso sangue dove poi piansi tramonti di liberi ricordi Non ebbi bisogno di nulla, mi bastava saperti li, seduta nell’esatto punto dove per giorni scavai Mi bastava sapere che i tuoi piedi accarezzeranno cristalli del mio pianto e gocce della mia passione Mi voltai dopo averti stretta Piansi dopo quel freddo Ora scavo con forza nel mio petto per nascondervi una lacrima lasciando spazio per quelle che verserò

Il tuo pensiero vaga tra spenti frammenti di luce, perso ed indifeso si contorce in atroce dolore che rosse gocce di memoria abbandona dietro di se. Vedi il buio che svuota la tua anima, credi di sapere ma infondo è un illusione, un intensa Morgana di fuoco che offusca la tua vista. Nel centro arido del tuo deserto una pagana preghiera ti conduce in lunghe scie di pensieri che, una ad una portano il tuo ventre a piegarsi e la tua testa a nascondersi tra fredde cosce, tese e tremolanti. Voltati, ascolta il vento Corri segui il canto Non chiedere a nessuno la tua immagine Non farti confondere da lunghe scale appese a spente stelle. Hai il tuo sorriso ed i tuoi occhi, si i tuoi occhi cosi’ limpidi nelle tue fantasie che danno luce ad ogni tuo pensiero. Ascolta il canto e non chiederti nulla Vivi il brivido e […]

Odio Antitesi del nostro essere Odio Che accarezza gli spigoli dell’amore Odio Gonfia le vene di un amaro veleno I tuoi occhi mentono Ogni brivido della tua pelle tradisce la verità Odio Mentre piango su ingialliti ricordi La tua voce tremolante mi mostra la tua vergogna Nelle tua schiena china in brevi pensieri ne sento il sapore Dell’Odio che scava le mie viscere Odio Paradosso di un timido raggio di luce. Non posso muovermi, ho le mani legate dal tuo restare ferma, immobile dinanzi al mio respiro Non piango Non vivo Odio